Mancano firme, slitta deposito referendum contro taglio parlamentari

1' di lettura 09/01/2020 - Slitta l'appuntamento del deposito in Cassazione del quesito referendario sul taglio dei parlamentari perchè al momento mancano tutte le 64 firme dei senatori necessarie.

"In 4 hanno ritirato le firme ma altri si stanno aggiungendo per cui per correttezza abbiamo chiesto alla Cassazione uno slittamento", ha dichiarato Cangini (Fi). Sono quattro senatori di Forza Italia, dell'area vicina a Mara Carfagna, guidati da Massimo Mallegni, i parlamentari che hanno ritirato la firma dalla richiesta di referendum sul taglio dei parlamentari. Il verbale è stato bloccato, così come la consegna. Sempre a quanto si apprende, anche tra i senatori del Pd che hanno firmato è in corso una riflessione, dopo l'intesa con M5s sulla legge elettorale. Le firme devono essere raccolte e verbalizzate entro domenica 12 e possono essere consegnate in Cassazione anche il 13. "Sto andando a ritirare le firme per la richiesta di referendum sul taglio dei parlamentari insieme ai colleghi Dalmas, Masini e Stabile", dice il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni citando gli altri tre senatori forzisti che, come lui, avevano firmato il referendum. Anche alcuni dei senatori Pd che hanno firmato la richiesta di referendum sul taglio dei parlamentari dovrebbero a breve ritirare le loro firme.






Questo è un articolo pubblicato il 09-01-2020 alle 20:21 sul giornale del 10 gennaio 2020 - 621 letture

In questo articolo si parla di politica, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beQ3