Alabama, donna incinta viene ferita in una sparatoria e perde il bambino: è accusata di omicidio

polizia usa 1' di lettura 28/06/2019 - Le sparano all'addome durante una lite, perde il bambino e viene incriminata per l'omicidio del feto. È successo in Alabama, lo stato americano che ha recentemente introdotto una legge che vieta quasi completamente l'aborto, anche nei casi di incesto e stupro.

I media statunitensi riportano che la ventisettenne Marshae Jones è stata arrestata mercoledì e rilasciata il giorno seguente dopo il versamento di una cauzione da 50mila dollari. Rischia fino a 20 anni di carcere. Incinta di cinque mesi, era stata ferita da un colpo di pistola sparato da un'altra donna durante una lite. Il proiettile ha ucciso il feto.

La sua colpa sarebbe di aver messo a rischio il feto che portava in grembo: secondo la polizia della contea di Jefferson sarebbe stata lei ad avviare la lite con l'altra donna sulla presunta paternità del suo bambino. La 23enne che ha sparato e ferito Jones è libera: le autorità della contea hanno deciso di non procedere nei suoi confronti.

Oltre ad aver approvato la nuova legge contro l'interruzione di gravidanza, l'Alabama è anche uno dei 38 stati americani ad avere una legge che riconosce il feto come potenziale vittima di omicidio.






Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2019 alle 17:47 sul giornale del 29 giugno 2019 - 1043 letture

In questo articolo si parla di cronaca, aborto, Stati Uniti, marco vitaloni, articolo, alabama

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a87j