Terremoto referedum: Renzi si dimette, lunedì rimette il mandato al presidente Mattarella. Il video

Matteo Renzi presidente. 05/12/2016 - A mezzanotte e venti di domenica notte, con il verdetto del referendum costituzionale ormai consolidato e con la vittoria schiacciante del NO, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato le sue dimissioni.

Si sono conclusi così i mille giorni di Matteo Renzi che ha detto di "assumersi le responsabilità perchè in un paese democratico chi perde deve andare a casa". Nel suo discorso in diretta da palazzo Chigi Renzi ha augurato in bocca al lupo agli italiani ricordando le prossime sfide che attende il paese.







Questo è un articolo pubblicato il 05-12-2016 alle 00:27 sul giornale del 06 dicembre 2016 - 11099 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere senigallia, giulia mancinelli, matteo renzi, articolo e piace a michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aEhS


Bene, chi sarà il prossimo? E quanto durerà in carica?
Fino a che non aboliremo il bicameralismo perfetto e non avremo una legge elettorale seria non avremo mai un presidente del consiglio per più di tre anni. E questo non ci aiuta all'estero...

Come? Gli italiani hanno deciso di tenersi il bicameralismo perfetto? Chi è causa del suo mal, pianga se stesso!

Commento sconsigliato, leggilo comunque

Commento modificato il 06 dicembre 2016

Per tutti i fulmini e le saette, contro tutti i gufi che giocano contro gli italiani e le loro tasche, altro che chi è causa del suo mal pianga se stesso:
ieri la Borsa Italiana ha chiuso a -0,21, malgrado MPS, altrimenti sarebbe stata positiva;
oggi, ore 17,15 circa l indice MIBTEL è in forte rialzo, ad un quarto d'ora dalla chiusura, ovvero + 3,54.
Se ne fosse andato 500 o 1.000 giorni fa, il grande stratega politicante sfasciatutto, l'Italia non solo avrebbe 100 miliardi in meno di Debito Pubblico, un Mr. Bean risibile affacciatosi senza consenso a volerci rappresentare a livello nazionale ed internazionale, e magari avremmo il nostro indice principale ad oltre 44.000 punti, raggiungendo nuovamente il massimo ( come lo è stato dopo l'elezione americana di Trump per gli USA e la Brexit per l'Inghilterra ), e non strozzato e sofferente a circa 17.600 punti come in data odierna, pur se in netto rialzo. Il peggior politicante degli ultimi 70 anni.