Giappone: uomo uccide a coltellate 19 persone in un centro per disabili

26/07/2016 - Un uomo armato di coltello ha fatto irruzione in un centro per disabili a Sagamihara, 40 km a ovest di Tokyo, in Giappone, ed ha ucciso 19 persone e ne ha ferite altre 26.

E' avvenuto nella notte tra lunedì e martedì, poco dopo le 2 del mattino ora locale (le 19 in Italia). Dopo aver compiuto la strage il killer, Satoshi Uematsu, 26 anni, ha raggiunto in auto la vicina stazione di polizia di Tsukui e si è consegnato agli agenti. "Spero che i disabili spariscano", ha detto Uematsu ai poliziotti. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l'uomo è entrato nel centro di cura rompendo una finestra ed ha iniziato ad attaccare i residenti, uomini e donne, giovani e anziani, accoltellandoli nel sonno nelle loro stanze. L'azione omicida è durata in tutto circa 40 minuti. Il personale della struttura ha allertato la polizia circa un quarto d'ora dopo.

Uematsu aveva lavorato per alcuni anni e fino allo scorso febbraio nel centro per disabili in cui ha compiuto la strage. In febbraio il 26enne aveva inviato una lettera al presidente del parlamento giapponese in cui minacciava di uccidere centinaia di disabili ospitati in diversi centri della zona (tra cui quello effettivamente attaccato) e chiedeva l'approvazione di una legge che permetta l'eutanasia per le persone con gravi disabilità. Informate del fatto dalla polizia, le autorità locali avevano disposto il ricovero coatto in ospedale nei confronti dell'uomo, che era poi stato dimesso dopo due settimane.





Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2016 alle 17:11 sul giornale del 27 luglio 2016 - 1374 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giappone, strage, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azBG