Milano: strage al tribunale, Giardiello condannato all'ergastolo

14/07/2016 - Il gup di Brescia, al termine del processo con rito abbreviato, ha condannato all'ergastolo Claudio Giardiello, l'imprenditore di 57 anni che il 9 aprile 2015 uccise tre persone e ne ferì due all'interno del Tribunale di Milano.

Il giudice Paolo Mainardi ha accolto la richiesta della Procura giudicandolo colpevole di triplice omicidio volontario e lesioni gravi. Nel giorno della sentenza Giardiello ha anche reso dichiarazioni spontanee, affermando, a differenza di quanto sostenuto finora dalla difesa, che la pistola usata per la strage venne portata e nascosta all'interno del palazzo di giustizia tre mesi prima. Una versione che aggrava la sua posizione, mostrando la premeditazione del gesto.

La mattina del 9 aprile 2015 Giardiello uccise a colpi di pistola il suo ex socio Giorgio Erba, suo coimputato in un processo per bancarotta, il suo ex avvocato Lorenzo Claris Appiani e il magistrato Fernando Ciampi. Nel corso della sparatoria rimasero ferite altre due persone.





Questo è un articolo pubblicato il 14-07-2016 alle 15:21 sul giornale del 15 luglio 2016 - 941 letture

In questo articolo si parla di cronaca, tribunale, milano, condanna, ergastolo, strage, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/azdu