Dallas: sparatoria durante una manifestazione, cinque poliziotti uccisi

polizia usa 08/07/2016 - Cinque agenti di polizia sono stati uccisi e altri sette sono rimasti feriti a Dallas, in Texas, colpiti da persone appostate come cecchini.

La sparatoria è iniziata alle 21 di giovedì sera (le 4 di venerdì in Italia) nel centro della città, durante una manifestazione di protesta contro le uccisioni di Alton Sterling e Philando Castile, due afroamericani uccisi dalla polizia nei giorni scorsi in Louisiana e in Minnesota. Nel corso della sparatoria sono rimasti feriti anche due civili.

Non è ancora chiaro in quanti abbiano partecipato all'attacco. La polizia ha arrestato tre sospetti, mentre un quarto è stato ucciso dopo essersi nascosto per ore in in garage multipiano. E' stato ucciso con dell'esplosivo attaccato a un robot della polizia controllato a distanza, uno di quelli che vengono normalmente impiegati per controllare le aree pericolose o raccogliere sospetti pacchi bomba.

Prima di morire l'aggressore ucciso, Micah Johnson, 25 anni, aveva detto ai negoziatori della polizia di voler uccidere “quante più bianchi possibile, in particolare poliziotti”. Johnson era un veterano dell'esercito, che aveva lasciato nell'aprile 2015, ed aveva trascorso nove mesi in Afghanistan. Secondo la polizia di Dallas Johnson sarebbe stato l'unico sparatore a far fuoco contro i poliziotti.

L'assalitore aveva anche detto di aver piazzato ordigni esplosivi nel centro della città, ma la zona è stata controllata senza trovare esplosivi. Alla manifestazione di protesta contro le uccisioni di neri da parte della polizia erano presenti centinaia di persone e circa cento poliziotti, in servizio per garantire la sicurezza.

Alton Sterling, 37 anni, è stato ucciso da una coppia di poliziotti martedì 5 a Baton Rouge in Louisiana. Stava vendendo cd davanti ad un negozio di alimentari quando due agenti, intervenuti per una chiamata anonima, gli hanno sparato dopo averlo immobilizzato a terra. Un video registrato da un passante mostra i due agenti che sparano a Sterling a distanza ravvicinata dopo aver urlato “Ha una pistola". Un altro video mostra dopo l'uccisione uno degli agenti che estrae una pistola dalla tasca dei pantaloni di Sterling.

Philando Castile, 32 anni, è stato ucciso mercoledì 6 a Falcon Heights, in Minnesota, dopo essere stato fermato dalla polizia per un normale controllo. Secondo la testimonianza della fidanzata dell'uomo, Lavish Reynolds, l'agente ha sparato a Castile mentre lui stava cercando di tirare fuori il portafoglio. La donna ha trasmesso in diretta video su Facebook i minuti successivi alla sparatoria. L'uomo è morto dopo essere stato trasportato in ospedale.





Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2016 alle 15:26 sul giornale del 09 luglio 2016 - 1858 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, Stati Uniti, sparatoria, marco vitaloni, articolo, dallas

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ayZ7