Ferrara: a 8 anni inventa la parola 'petaloso', e la Crusca approva

Lingua italiana 24/02/2016 - A 8 anni ha inventato una parola “petaloso”. È la storia curiosa di Matteo, un bambino di terza elementare della scuola di Copparo (Ferrara) che rispondendo ad un quesito della sua maestra ha scritto: "Le margherite sono fiori petalosi, mentre i papaveri non sono molto petalosi".

L’insegnante colpita dal nuovo termine ha suggerito al bambino di inviarlo all’Accademia della Crusca per una valutazione. E gli accademici hanno risposto. “La parola che hai inventato è una parola ben formata e potrebbe essere usata in italiano così come sono usate parole formate nello stesso modo”, hanno scritto, per poi aggungere: “Perché entri in un vocabolario, bisogna che la parola nuova non sia conosciuta e usata solo da chi l'ha inventata, ma che la usino tante persone e tante persone la capiscano”.

Su Twitter si è quindi diffuso l’hashtag #petaloso con lo scopo di aiutare Matteo e diffondere la parola. Lo stesso premier Renzi ha voluto ringraziare il piccolo alunno e su Twitter ha scritto: “Grazie al piccolo Matteo, grazie Accademia della Crusca una storia bella, una parola nuova #petaloso". Anche il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini si è complimentato: "Bravo Matteo. La lingua è creatività e luogo di libertà".


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 24-02-2016 alle 13:52 sul giornale del 25 febbraio 2016 - 3678 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, lingua italiana, Sara Santini, articolo, petaloso

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/at5W