Datagate: il senato americano blocca la riforma della Nsa

senato usa 1' di lettura 19/11/2014 - Il Senato Usa ha bloccato il Freedom Act, la riforma della National Security Agency (Nsa) voluta da Obama dopo lo scoppio dello scandalo Datagate sullo spionaggio indiscriminato delle telefonate degli americani.

La misura non ha superato il voto del Senato, ancora a maggioranza democratica, per l'avvio della discussione. Appena due i voti di scarto, 58 consensi contro i 60 necessari. La discussione sulla riforma viene ora rimandata al prossimo anno, ma con scarsissime probabilità che la legge veda la luce. Da gennaio infatti si insedierà il nuovo Congresso uscito dalle elezioni di midterm, che vede i repubblicani avere la maggioranza in entrambe le Camere.

La riforma puntava a modificare il Patriot Act, la legge anti-terrorismo approvata dopo l'11 settembre che estese i poteri dell'intelligence, autorizzando la raccolta automatica dei dati dalle telefonate. "Questo è il momento peggiore possibile per legarci le mani dietro la schiena", ha affermato il leader dei repubblicani al Senato, Mitch McConnell.






Questo è un articolo pubblicato il 19-11-2014 alle 18:55 sul giornale del 20 novembre 2014 - 1996 letture

In questo articolo si parla di politica, barack obama, Stati Uniti, marco vitaloni, datagate, Nsa, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/abLw