Tunisia: ergastolo per Ben Ali

1' di lettura 14/06/2012 - L'ex presidente tunisino Zine El Abidine Ben Ali è stato condannato all'ergastolo in relazione alla morte di alcuni manifestanti lo scorso anno durante la rivolta nelle città di Kasserine e Thala.

Nell'ambito dello stesso processo è stato condannato anche l'ex ministro dell'Interno, Belhaj Qasem, a 10 anni di carcere. Nella mattinata lo stesso tribunale lo aveva condannato a 20 anni di carcere per la repressione ordinata a Ouardanine dove sono morti 4 giovani.

Ben Ali, che si trova in esilio in Arabia Saudita, e' stato riconosciuto colpevole di ''istigazione al disordine, all'omicidio e al saccheggio'', si legge nel verdetto della Corte, che ha esminato il caso della morte di quattro giovani, uccisi nella citta' di Ouardanine nel gennaio del 2011 mentre cercavano di impedire la fuga in aereo di Kais, il nipote di Ben Ali, che a sua volta aveva lasciato il paese il giorno prima.

Intanto la situazione per la sicurezza in Tunisia sembra essere tornata lentamente alla nornalità dopo che nei giorni scorsi i militanti salafiti avevano scatenato vuiolenti scontri in tutto il Paese.

Il governo era stato costretto a imporre il coprifuoco in gran parte del territorio nazionale, e questa misura di sicurezza verrà mantenuta fin tanto che non saranno ripristinate tutte le garanzie di sicurezza per la popolazione.






Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2012 alle 15:23 sul giornale del 15 giugno 2012 - 1649 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/An3





logoEV