Pensioni: niente più contanti per importi superiori a mille euro

Soldi 1' di lettura 02/01/2012 -

Niente più contanti per pensioni mensili superiori ai mille euro. Lo annuncia l'Inps che ha provveduto ad inviare 450 mila comunicazioni ai pensionati per invitarli a comunicare all'Istituto modalità alternative di riscossione.



La richiesta di variazione della modalità di pagamento, scelta tra l'accredito in conto corrente, su libretto postale o su carta ricaricabile, potrà essere inoltrata attraverso il sito istituzionale da parte dei soggetti in possesso di Pin o direttamente ad una Struttura Territoriale dell'Istituto. In alternativa, la richiesta potrà essere fatta presso gli uffici bancari o postali, secondo le consuete modalità.

L'adeguamento alle nuove modalità di pagamento dovrà avvenire entro il 6 marzo 2012. E dal 7 marzo, come prevede la legge n. 214 del 22 dicembre 2011 che ha stabilito che le Pubbliche Amministrazioni devono utilizzare strumenti di pagamento elettronici, disponibili presso il sistema bancario o postale, per la corresponsione di stipendi, pensioni e compensi di importo superiore a mille euro (limite che potra' essere modificato in futuro con decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze), le pensioni superiori all'importo stabilito non potranno più essere pagate in contanti.






Questo è un articolo pubblicato il 02-01-2012 alle 15:49 sul giornale del 03 gennaio 2012 - 3265 letture

In questo articolo si parla di economia, Sudani Alice Scarpini, pensioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/txa