Blogger siriana condannata a 5 anni di carcere, il popolo di Facebook si ribella

Tal al-Mallouhi 15/02/2011 -

La blogger siriana 19enne, Tal al-Malluhoi, è stata condannata dal tribunale locale a scontare una pena di cinque anni. L'accusa è divulgazione di informazioni verso un paese straniero.



Sembrerebbe che la ragazza abbia affettuato a scapito della Siria, un'azione di spionaggio per favorire l'ambasciata americana al Cairo. L'America è intervenuta a favore della studentessa con la richiesta di un rilascio immediato .

Già nel 2009 le forze dell'ordine siriane avevano interrogato la ragazza e perquisito la sua casa, sequestrando vari oggetto personali della giovane, tra cui il personal pc .

Il blog in questione, gestito daTal al-Mallouhi, é stato il mezzo di comunicazione incriminato, di cui la giovane si è servita per diffondere varie notizie, che ha provocato poi l'arresto. Un blog prettamente indirizzato all'ambito sociale e culturale, ma non affatto di politica. Eppure la giovane è stata arrestata veramente e dovrà scontare stando al tribunale di Damasco ben 5 lunghi anni di carcere. Al momento le è stato anche proibito di vedere i suoi genitori.

Mentre la Siria la tiene rinchiusa come una dissidente, il mondo su internet ed in modo particolare su Facebook e non solo si muove per la sua immediata libertà.





Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2011 alle 15:33 sul giornale del 16 febbraio 2011 - 1126 letture

In questo articolo si parla di attualità, siria, laura rotoloni, tal al-mallouhi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hp7