Mondiali: che fatica col Paraguay, gli azzurri si fermano sull'1 a 1

daniele de rossi 2' di lettura 14/06/2010 -

Cinico, attento e roccioso. Il Paraguay ferma l'Italia sull'uno a uno. Per gli uomini di Lippi un'esordio con pareggio.



Sotto il diluvio di Città del Capo, l'Italia del calcio ha fatto il suo esordio ai mondiali. un match difficile contro il Paraguay che alla fine ha regalato un punto a testa.

Partita con il piede giusto, la formazione di Lippi, con Criscito terzino sinistro, Marchisio dietro le punte e Pepe e Iaquinta dietro a Gilardino, ha dimostrato di essere una delle formazioni da battere. Azioni in velocità, coinvolgenti e ben orchestrate.

Il Paraguay ha invece dimostrato una solidità difensiva inaspettata unita ad una cattiveria agonistica degna di una squadra sudamerica. Il risultato già annunicato: Italia in attacco e Paraguay in contropiede.

Dopo alcune buone occasioni per Montolivo e Iaquinta, alla prima vera azione paragayana, un calcio da fermo, è arrivato il vantaggio sudamericano. Un colpo di testa di Alcaraz che non ha lasciato scampo a Buffon. Primo tempo sotto di uno.

La ripresa parte subito con una novità, Marchetti al posto dell'infortunato Buffon (risentimento al nervo sciatico) ma il tema è sempre lo stesso. Gli innesti di Camoranesi (sotto tono) e di Di Natale hanno proiettato gli azzurri in avanti alla ricerca del pareggio. Gol arrivato al 63' su calcio d'angolo, deviato in rete da De Rossi.

La buona forma fisica italiana è venuta fuori nel finale. Il Paraguay è scomparso dalla partita e gli azzurri hanno costantemente cercato il vantaggio. Prima con Camoranesi, poi con Pepe (il migliore in campo) ed infine con Montolivo. Nulla da fare.

Un punto a testa in attesa del match di oggi fra Slovacchia e Nuova Zelanda, valido per il girone F. La prossima partita dell'Italia sarà domenica 20 alle 16 contro la Nuova Zelanda.






Questo è un articolo pubblicato il 14-06-2010 alle 22:50 sul giornale del 15 giugno 2010 - 878 letture

In questo articolo si parla di riccardo silvi, sport, mondiali, calcio, daniele de rossi, ansa