Recovery Plan: la bozza inviata a tutti i ministri. CdM nella serata di martedì 12 gennaio

2' di lettura 12/01/2021 - Questa la nota diffusa dalla presidenza del Consiglio: "È stata inviata a tutti i ministri, come da impegni assunti nel corso dell’ultimo incontro, la nuova bozza del Recovery Plan, rielaborata all’esito del confronto con le forze di maggioranza sulla base delle varie osservazioni critiche da queste formulate".

Nota che fissa per la serata di martedì 12 Gennaio, ore 21,30, il Consiglio dei Ministri.

"Abbiamo consegnato al Presidente Giuseppe Conte la nuova bozza del RecoveryPlan. In oltre 170 pagine sono esposte le strategie, i progetti, le risorse per far ripartire l’Italia. Ora nel Governo, in Parlamento e nel Paese si apre la fase di analisi, miglioramento, decisione", ha twittato il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

Il Piano Nazionale di rilancio e resilienza, a quanto si riscontra nel testo, "si articola in 6 Missioni, che a loro volta raggruppano 16 Componenti funzionali a realizzare gli obiettivi economico-sociali definiti nella strategia del governo. Le Componenti si articolano in 47 Linee di intervento per progetti omogenei e coerenti. I singoli Progetti di investimento sono stati selezionati secondo criteri volti a concentrare gli interventi su quelli trasformativi, a maggiore impatto sull'economia e sul lavoro".

Le risorse previste ammontano a 222 miliardi di cui 144,2 per nuovi interventi. Ma la cifra di fondo-tabelle delle risorse mobilitate arriva a quota 310 miliardi, tenuto conto anche della programmazione di bilancio per il quinquennio 2021-26.

Il piano Nazionale prevede per il settore sanitario quasi 20 miliardi di risorse mentre il primo capitolo rimane quello della rivoluzione verde e transizione ecologica con 68,9 miliardi. In particolare sono previsti 46,18 miliardi per la digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura; 68,9 miliardi per la Rivoluzione Verde e Transizione ecologica, 31,98 miliardi per le infrastrutture per una mobilità sostenibile, 28,46 miliardi per l'istruzione e la ricerca; 21,28 miliardi per l'inclusione e la coesione, 19,72 miliardi per la salute. In totale 222,9 miliardi.






Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2021 alle 10:57 sul giornale del 13 gennaio 2021 - 232 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIXw