Covid19, Oms: niente immunità di gregge nel 2021

1' di lettura 12/01/2021 - Secondo le previsioni dell'Oms, l'istituto dell'ONU specializzato per la salute della popolazione, nonostante la somministrazione vaccinale, nel 2021 non si raggiungerà l'immunità di gregge.

La dottoressa Soumya Swaminathan ha caldeggiato il mantenimento rigoroso del distanziamento sociale e l'uso delle mascherine, anche con "gli incredibili progressi compiuti dagli scienziati, che hanno sviluppato diversi vaccini sicuri ed efficaci contro un virus nuovo in meno di un anno", e che "per avere risultati importanti servirà tempo. Nel frattempo non dobbiamo dimenticare che ci sono misure sanitarie e sociali che funzionano e che dovrebbero essere adottate almeno per il resto dell'anno".

Il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante il briefeng-stampa, ha invocato invece "un impegno collettivo per far sì che entro i prossimi 100 giorni le vaccinazioni per gli operatori sanitari ed i soggetti ad alto rischio siano in corso in tutti i paesi. I Paesi monitorino le varianti, per ora la malattia non è più grave. Limitare la trasmissione di Sars-CoV-2, - ha incalzato Ghebreyesus - limita la possibilità di sviluppare nuove varianti pericolose. Con nuove cure in arrivo, speriamo si possano salvare più vite in caso di malattia grave. Ma ora più che mai - ha sostenuto il direttore - dobbiamo seguire le basi di salute pubblica. E chiediamo a tutti i Paesi di aumentare il sequenziamento del virus Sars-CoV-2 per integrare gli sforzi di sorveglianza, monitoraggio e test in corso e condividere questi dati a livello internazionale. Questo ci aiuta a capire meglio quando vengono identificate varianti che destano preoccupazione".






Questo è un articolo pubblicato il 12-01-2021 alle 07:30 sul giornale del 13 gennaio 2021 - 244 letture

In questo articolo si parla di roma, redazione, lazio, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIUG