Coronavirus: stretta sui criteri di assegnazione della zona rossa

1' di lettura 09/01/2021 - Dopo il criterio dell'abbassamento della soglia dell’Rt per collocare le regioni nelle rispettive fasce, il Governo sta studiando una stretta supplementare.

Se l'incidenza settimanale dei casi supererà i 250 ogni 100mila abitanti, scatterà automaticamente la zona rossa. La proposta, è stata avanzata dall’ISS (l'Istituto Superiore di Sanità), ed è stata avallata dal Cts (Comitato Tecnico Scientifico). È probabile che un vertice Governo-Regioni si possa tenere all’inizio della prossima settimana in vista del 15 gennaio, data di scadenza del Dpcm. Verranno illustrate dal Ministro Speranza, nuove restrizioni per l'occasione: zone gialle "rinforzate", fine-settimana arancioni anche nelle regioni gialle, con negozi aperti ma bar e ristoranti chiusi, blocco dei confini regionali anche tra quelle in fascia gialla. Prevista però, l'istituzione di fasce zonali verdi con Rt sotto lo 0,5.

Nell'esecutivo si sta ragionando anche sulla conferma o meno delle visite a parenti e amici (una volta al giorno in non più di due persone con minori di 14 anni al seguito).

Questi intanto, i dati delle Regioni con l'indice Rt: Calabria 1,14 (1,04), Sicilia 1,04 (0,99). Abruzzo 0,9 (0,83), Basilicata 0,83 (0,67), Campania 0,83 (0,76), Emilia-Romagna 1,05 (1,03), Friuli 0,91 (0,86), Lazio 0,98 (0,94), Liguria 1,02 (0,95), Lombardia 1,27 (1,24), Marche 0,93 (0,82), Molise 1,27 (0,96), Piemonte 0,95 (0,92), Provincia Bolzano 0,81 (0,75), Provincia di Trento 0,85 (0,79), Puglia 1 (0,96), Sardegna 1,02 (0,95), Toscana 0,9 (0,87), Umbria 1,01 (0,95), Val d'Aosta 1,07 (0,87), Veneto 0,97 (0,96).






Questo è un articolo pubblicato il 09-01-2021 alle 15:00 sul giornale del 11 gennaio 2021 - 298 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bIF2