Covid, (FDI): "La Puglia ultima per tamponi processati e prima per positivi. Per quanto tempo Emiliano e Lopalco ci terranno in zona arancione?"

2' di lettura 25/11/2020 - Dichiarazione dei Consiglieri Regionali pugliesi di Fratelli d'Italia: "La Puglia ultima regione d'Italia per persone testate, ma prima per la percentuale di positivi"

Di seguito la dichiarazione congiunta dei consiglieri regionali di Fratelli d’Italia (Renato Perrini, Luigi Caroli, Giannicola De Leonardis, Antonio Gabellone, Francesco Ventola e il capogruppo Ignazio Zullo):

“Ancora ieri la Regione Puglia era non solo l’ultima regione d’Italia per numero di persone testate, ma anche la prima d’Italia per percentuale di positivi. Solo 1550 persone testate, una percentuale del 63 per cento. Numeri che raddoppiano persino le percentuali di zone Rosse come Lombardia e Piemonte.

“Questo perché la Regione Puglia continua a tenere volutamente basso il numero di tamponi, per combattere quella che l’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, chiama ‘la tamponite’. Mentre Regioni come la Valle d’Aosta fanno tamponi a tappeto, unico modo per fermare il contagio isolando gli asintomatici, la Puglia non ha ancora assunto i 133 testatori messi a disposizione solo per il contact tracing dalla Protezione civile, e regala tamponi alla Calabria. Sicuramente un bel gesto di solidarietà, ma non se fatto a danno dei pugliesi che da mesi lamentano di essere prigionieri in casa ben oltre i giorni di quarantena in attesa di un tampone o peggio ancora del risultato.

“Solo due giorni fa il presidente Michele Emiliano vantava di aver fatto partire i test antigenici presso i medici di famiglia e pediatri, che il commissario Domenico Arcuri ha messo a disposizione da ottobre e devono essere fatti entro il 31 dicembre. Chiediamo a Emiliano: quanti ne sono stati fatti? Può darci il numero giornaliero? Anche quelli vanno tracciati, considerando che ogni medico viene pagato 18 euro dallo Stato per farli.

“Nel frattempo anche le farmacie pugliesi hanno chiesto, come da settimane già accade in Lazio, di poter effettuare i tamponi antigenici ai propri clienti. Ci risulta che la Regione non abbia ancora risposto, perché? Emiliano e Lopalco lo sanno che aumentare il numero dei tamponi è necessario per uscire dalla zona Arancione o vogliono portarci dritti dritti in quella Rossa per togliersi le loro responsabilità e scaricarle sui pugliesi e continuare loro a rimediare ospitate in tv?”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2020 alle 11:33 sul giornale del 26 novembre 2020 - 215 letture

In questo articolo si parla di politica, regione puglia, fratelli d'italia, comunicato stampa, coronavirus, covid 19, emergenza coronavirus, tamponi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDlX