Ci lascia Piero Prati, scomparso a 73 anni dopo una lunga malattia

1' di lettura 23/06/2020 - Dopo due soli giorni dalla morte di Mario Corso, il calcio piange la scomparsa di un altro grande campione, Piero Prati. In rossonero ha scritto le pagine migliori della propria carriera, giocando poi in A anche con le maglie di Roma e Fiorentina.

Con la Nazionale esordì il 6 aprile 1968 contro la Bulgaria, nella gara di andata dei quarti di finale del campionato d’Europa 1968: il suo gol portò il punteggio sul 3-2 per i bulgari; al ritorno segnò ancora e gli azzurri prevalsero 2-0, qualificandosi alla semifinale. Giocò la finale in coppia con l’esordiente Pietro Anastasi, mentre nella vittoriosa ripetizione fu sostituito da Gigi Riva. Passato alla Roma, giocò l’ultima gara in nazionale, prendendo definitivamente il viale del tramonto; dopo due brevi parentesi alla Fiorentina e negli Stati Uniti, coi Rochester Lancers, chiuse la carriera in Serie C2, tornando per tre anni a Savona. Aveva successivamente intrapreso la carriera da allenatore sulle panchine di Lecco, Solbiatese, Sporting Bellinzago e Pro Patria.






Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2020 alle 00:30 sul giornale del 23 giugno 2020 - 247 letture

In questo articolo si parla di attualità, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/boEj