Coronavirus, Phuket blocca nave Costa con 173 italiani. Altra imbarcazione fermata a Napoli

3' di lettura 07/03/2020 - Primo positivo in Vaticano. Colpiti oltre 90 tra Paesi e territori nel mondo.

Attracco vietato a Phuket per la nave da crociera Costa Fortuna che ha 173 italiani a bordo (sono 64 quelli interessati dalle restrizioni per lo sbarco). Madagascar e Thailandia hanno imposto restrizioni a causa del coronavirus allo sbarco di italiani che siano stati nel nostro Paese negli ultimi 14 giorni. Costa ha cambiato itinerario dirigendosi alle Seychelles. La nave, comunica la compagnia, è in navigazione verso la Malesia. Lo rende noto la compagnia sottolineando che i passeggeri "tutti stanno bene". Un'altra nave è stata bloccata nel porto di Napoli, proveniente da Genova, con a bordo nove membri dell'equipaggio che manifestano sintomi ipoteticamente riconducibili al coronavirus. Si attendono i controlli medici. La nave ha a bordo 125 persone tra equipaggio e alcuni operai. Plauso Oms all'Italia per gestione della crisi - "Sincero apprezzamento" per la leadership dimostrata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza" nella gestione della crisi sul coronavirus e per aver concordato l'invio a Roma presso il ministero di "un senior advisor" dell'Organizzazione mondiale della sanità. Lo ha espresso Hans Kluge, direttore per l'Europa dell'Oms, nel suo intervento al Consiglio Ue salute straordinario. Kluge ha anche chiesto di sostenere l'Italia in quanto "piattaforma del know how Ue sul virus". Spallanzani, 244 dimessi tra guariti e negativi - In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani "67 pazienti". "I pazienti Covid positivi sono in totale 31" oltre la coppia cinese ormai negativa. E' quanto emerge dal bollettino medico di oggi. "I pazienti in osservazione - prosegue il bollettino - sono 34". "I pazienti, ad oggi, dimessi, che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca dell'acido nucleico del coronavirus sono 244". Così il bollettino medico dello Spallanzani. "Non stiamo in una fase di grande assedio. Sono numeri al momento abbastanza contenuti. Nessuna attività è sospesa", ha detto il direttore sanitario del Spallanzani. Primo caso in Vaticano, si valuta Angelus solo in video - "Questa mattina sono stati temporaneamente sospesi tutti i servizi ambulatoriali della Direzione Sanità e Igiene dello Stato della Città del Vaticano per poter sanificare gli ambienti a seguito di una positività al Covid-19 riscontrata in un paziente. Rimane però in funzione il presidio di Pronto Soccorso. La Direzione Sanità e Igiene sta provvedendo ad informare le competenti autorità italiane e nel frattempo sono stati avviati i protocolli sanitari previsti". Lo riferisce il portavoce vaticano Matteo Bruni. Analoga decisione potrebbe essere presa per udienza generale . Allo studio in Vaticano le modalità per proseguire gli appuntamenti che richiamano normalmente molti fedeli. La prima novità ci potrebbero essere con l'Angelus di Papa Francesco di domenica 8 marzo. Tra le ipotesi c'è anche quella di trasmetterlo solo in video considerato che comunque, per quanto ci sia una diminuzione di fedeli a causa del coronavirus, ai controlli ci sono sempre file e assembramenti. Analoga decisione, apprende l'ANSA, potrebbe essere presa anche per l'udienza generale del mercoledì. Molinette, la Procura avvia accertamenti - Una serie di accertamenti conoscitivi sono stati avviati dalla procura di Torino sulla situazione alle Molinette, dove sono state attivate tutte le procedure di prevenzione e sicurezza in seguito all'ingresso di una coppia di pazienti risultati positivi solo in un secondo tempo al coronavirus. I due non avevano dichiarato di avere ricevuto una visita dal figlio, che lavora a Lodi.






Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2020 alle 01:16 sul giornale del 07 marzo 2020 - 801 letture

In questo articolo si parla di attualità, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bhfl