Coronavirus: primo italiano positivo al test, è uno dei 56 rimpatriati da Wuhan

1' di lettura 07/02/2020 - Ricoverato all'istituto Spallanzani con "modesto rialzo termico ed iperemia congiuntivale". Ha tra i 30 e 40 anni.

Un cittadino italiano ha contratto il Coronavirus. Si tratta di uno dei 56 italiani rimpatriati da Wuhan, città focolaio del virus, e in quarantena nella città militare della Cecchignola. L'uomo, sottoposto ai test nella giornata di giovedì 6 febbraio, è risultato positivo: la notizia è stata diffusa dall'Istituto superiore di sanità (Iss), che ha comunicato alla task force del ministero della Salute l'esito positivo dell'accertamento. L'allerta era scattata dopo le analisi condotte sui tamponi effettuati agli italiani sotto osservazione e il connazionale, un uomo adulto di 30-40 anni che era in stanza da solo, era stato trasferito in isolamento all'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Spallanzani per ulteriori accertamenti. Il premier Giuseppe Conte, dopo un vertice alla Protezione civile con il ministro della Salute Roberto Speranza e prima di conoscere l'esito definitivo dei test, aveva subito sottolineato che l'Italia ha adottato "il principio di massima precauzione". Conte ha anche voluto ringraziare tutti i volontari della Protezione Civile: "In poche ore sono riusciti ad organizzare un servizio di verifica e monitoraggio che ha coinvolto 62 mila cittadini passeggeri su 521 voli internazionali".






Questo è un articolo pubblicato il 07-02-2020 alle 00:26 sul giornale del 08 febbraio 2020 - 981 letture

In questo articolo si parla di cronaca, edoardo diamantini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bfZv