Libia: il governo annuncia la chiusura di tre grandi centri di detenzione per migranti

migranti - generica - 1000px 1' di lettura 02/08/2019 - Il governo libico guidato dal premier Fayez al Serraj chiuderà tre grandi centri di detenzione per i migranti nelle città di Misurata, Tajoura e Khoms.

Lo ha annuciato il ministro dell'Interno del governo di Tripoli, Fathi Bashagha. La chiusura dei centri era stato chiesto dall'Onu un mese fa dopo il bombardamento aereo che lo scorso 2 luglio aveva colpito il centro di Tajoura, provocando 53 morti e 87 feriti.

Sia l'agenzia delle Nazioni unite per i rifugiati sia diverse ong come Amnesty International denunciano da tempo le violenze sistematiche, come torture e stupri, che vengono compiute sui migranti detenuti. Oltre alle pessime condizioni igienico-sanitarie dei centri.

Non è però chiara la sorte delle persone che verranno evacuate. Alcune ong attive in Libia hanno segnalato il rischio che in questo modo possa aumentare il numero dei migranti che finiscono nelle mani dei trafficanti di esseri umani.






Questo è un articolo pubblicato il 02-08-2019 alle 17:31 sul giornale del 03 agosto 2019 - 626 letture

In questo articolo si parla di cronaca, migranti, libia, marco vitaloni, accoglienza immigrati, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a0lJ