Fondi russi alla Lega, indaga la Procura di Milano

1' di lettura 11/07/2019 - La presunta trattativa per far arrivare alla Lega fondi illeciti dalla Russia è al centro di un'inchiesta della Procura di Milano.

L'ipotesi di reato formulata sarebbe quella di corruzione internazionale. L'indagine, gestita dal procuratore aggiunto Fabio De Pasquale e dai pubblici ministeri Sergio Spadaro e Gaetano Ruta, è stata avviata a febbraio, dopo la pubblicazione da parte de L'Espresso dei primi articoli sulla vicenda. Che parlavano dell'incontro avvenuto lo scorso 18 ottobre Mosca tra un importante collaboratore di Matteo Salvini, Gianluca Savoini, e alcuni cittadini russi, per parlare di un finanziamento occulto alla Lega da 65 milioni di euro.

Mercoledì il sito statunitense Buzzfeed News ha pubblicato una lunga inchiesta sul caso che contiene la registrazione di quell'incontro. Dopo la pubblicazione dell'articolo Salvini ha risposto smentendo che Lega abbia ottenuto finanziamenti illegali e annunciando querele. Anche Savoini ha risposto in modo simile a diversi quotidiani, parlando di "cose ridicole" e attacchi politici" alla Lega.

Sul caso intanto il Partito Democratico ha annunciato che presenterà una proposta di legge per la costituzione di una commissione parlamentare d'inchiesta. Proposta che potrebbe ricevere l'ok del M5S, a patto che la commissione riguardi i finanziamenti di tutti i partiti.






Questo è un articolo pubblicato il 11-07-2019 alle 18:41 sul giornale del 12 luglio 2019 - 516 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Russia, lega, putin, marco vitaloni, articolo, corruzione internazionale, salvini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9yy