Migranti, naufragio al largo della Tunisia: decine di morti

1' di lettura 04/07/2019 - Almeno 80 persone risulterebbero disperse in seguito al naufragio di un gommone avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì al largo delle coste della Tunisia.

La notizia, data inizialmente da Alarm Phone, il servizio telefonico che raccoglie le richieste d'aiuto nel Mediterraneo, è stata confermata dal governo tunisino a diverse agenzie di stampa internazionali. L'imbarcazione è affondata al largo della città di Zarzis, nell’est del paese.

Un peschereccio tunisino è riuscito a soccorrere quattro persone, una delle quali è morta in seguito in ospedale. Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), i dispersi sarebbero 82. I tre maliani sopravvissuti al naufragio hanno detto che il gommone carico di migranti era partito dalla Libia, da Zuwara.

Mercoledì almeno 53 persone erano state uccise da un attacco aereo che aveva colpito un centro di detenzione per migranti nella capitale libica, Tripoli. Il governo libico del premier Fayez al-Sarraj e le forze guidate dall'ex generale Khalifa Haftar, impegnati da tempo in scontri per il controllo della capitale, si sono accusati a vicenda per il bombardamento.






Questo è un articolo pubblicato il 04-07-2019 alle 18:15 sul giornale del 05 luglio 2019 - 729 letture

In questo articolo si parla di cronaca, migranti, libia, tunisia, naufragio, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/a9iz