Salerno: olio "extra-vergine" adulterato, la Guardia di Finanza blocca l'immissione in commercio

13/09/2018 - Nel corso di un controllo eseguito presso un'azienda di Sarno (SA) che si occupa dell'imbottigliamento e commercializzazione di olio di oliva, le Fiamme Gialle di Scafati (SA) hanno rinvenuto una partita di prodotto che, in base alla documentazione esibita, doveva essere tutto "extra-vergine".

La gran parte delle due tonnellate di olio era ancora stipata in due silos industriali. Una partita di 200 litri era invece già confezionata in bottiglie con l'etichetta "olio extra-vergine di oliva 100% italiano".

La conferma dell'adulterazione è arrivata dall'esame di laboratorio eseguito dall'Ufficio delle Dogane di Bari. In particolare, è stata segnalata una presenza di olio di semi oltre i rigorosi limiti posti dalla disciplina comunitaria di settore per poter etichettare "extra-vergine" l'olio di oliva che poi finisce nel carrello della spesa. E' subito scattato il sequestro del prodotto e la denuncia dei tre responsabili alla Procura della Repubblica di Nocera Inferiore che ha convalidato la misura cautelare per impedirne l'immissione in commercio dell'olio contaminato, a tutela dei potenziali acquirenti.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-09-2018 alle 11:25 sul giornale del 14 settembre 2018 - 978 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, Sara Santini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aYkK