Monza: truffavano parenti e conoscenti con investimenti fittizi, arrestate due sorelle

guardia di finanza 28/06/2018 - Sono finite in manette due sorelle di 55 e 59 anni. Le due sono accusate di aver truffato per un totale di circa un milione di euro, parenti e conoscenti, convincendoli a fare investimenti riservati ai dipendenti delle Poste, dove la 59enne ha lavorato fino al gennaio 2017, investimenti che in realtà non esistevano

Le truffe sarebbero andate avanti tra il 2013 e il 2016. Le indagini sono partite dalla denuncia del figlio di un vicino di casa, che avendo dei dubbi sull'investimento vantaggioso fatto dai genitori si è recato alle Poste, scoprendo la truffa. Le due donne avevano convinto soprattutto persone anziane e a loro legate affettivamente, a dar loro dei soldi in contanti per fantomatici investimenti che in realtà venivano utilizzati per giocare d'azzardo. E se qualcuno chiedeva conto degli interessi le due donne avrebbero risposto saldando anticipi fittizi utilizzando i soldi sottratti ad altri parenti.

Circa una quarantina le persone truffate. Le due sono state arrestate (la 59enne è finita in carcere, l'altra ai domiciliari). Sono accusate di truffa, ricettazione e favoreggiamento.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 28-06-2018 alle 11:24 sul giornale del 29 giugno 2018 - 697 letture

In questo articolo si parla di redazione, guardia di finanza, Sara Santini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aV5o