Vibo Valentia: giovane del Mali ucciso, fermato il 43enne indagato

07/06/2018 - È stato fermato con l’accusa di omicidio volontario Antonio Pontoriero, il 43enne accusato di essere l’assassino di Soumaila Sacko, l’immigrato maliano ucciso sabato sera dentro una fabbrica di laterizi, a San Calogero, nel vibonese mentre con due connazionali stava prendendo delle lamiere da una vecchia fornace abbandonata.

L’accusa per l’uomo è di omicidio volontario, porto e detenzione illegale di arma. Il fermo è stato disposto dalla Procura ancora prima dell'esito dei risultati dello stub ed è stato eseguito dai carabinieri del reparto operativo di Vibo Valentia in coordinamento con la compagnia di Tropea.

Il 43enne fermato si riteneva ancora proprietario dell’ex fabbrica di laterizi in cui è stato ucciso Soumaila Sacko. Proprio i continui furti lo avrebbero spinto a vendicarsi, secondo quanto sostengono gli inquirenti.


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 07-06-2018 alle 10:54 sul giornale del 08 giugno 2018 - 400 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aVmX