Reggio Calabria: l'ex sindaco Scopelliti condannato in via definitiva a 4 anni e 7 mesi

Giuseppe Scopelliti 05/04/2018 - Si è costituito al carcere di Arghillà, nei pressi di Reggio Calabria, l'ex presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti, condannato giovedì in via definitiva a 4 anni e 7 mesi di reclusione per falso in atto pubblico.

I giudici della Cassazione hanno rigettato il ricorso dell'ex governatore e ex sindaco di Reggio Calabria e hanno confermato le sentenze di primo e secondo grado del processo sulla falsificazione del bilancio della città sullo Stretto. La Cassazione ha ridotto la pena di 5 mesi per la prescrizione del reato di abuso di ufficio. Ridotta anche l’interdizione perpetua dai pubblici uffici a soli 5 anni.

Assieme all'ex sindaco di Forza Italia, poi esponente del Nuovo Centrodestra e ora sostenitore della Lega, sono stati condannati a 2 anni e 4 mesi i revisori dei conti Carmelo Stracuzzi, Domenico D’Amico e Ruggero Ettore De Medici. Secondo i giudici sono stati loro, assieme alla dirigente Orsola Fallara morta suicida nel dicembre 2011, a truccare il bilancio comunale per coprire un buco da centinaia di milioni di euro. Per rientrare dal disavanzo, il Comune di Reggio Calabria ha dovuto varare un pesante piano di rientro trentennale.





Questo è un articolo pubblicato il 05-04-2018 alle 16:55 sul giornale del 06 aprile 2018 - 655 letture

In questo articolo si parla di cronaca, calabria, Reggio Calabria, marco vitaloni, articolo, Giuseppe Scopelliti, falso in atto pubblico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aTj7