Yemen: morto l'ex presidente Saleh

 Ali Abdullah Saleh 04/12/2017 - L’ex presidente dello Yemen, Ali Abdullah Saleh, è morto lunedì a San'a, la capitale del paese.

Saleh, 75 anni, è stato ucciso nel corso di scontri tra i suoi sostenitori e i suoi ex alleati, i ribelli sciiti Houthi. La morte dell'uomo che ha guidato lo Yemen per oltre trent'anni è stata annunciata dai media legati agli Houthi e, secondo la tv Al Arabiya, confermata da alcuni membri del suo partito.

In Yemen si sta combattendo da tempo una guerra civile tra le forze fedeli al presidente Abdel Rabbi Monsour Hadi, eletto nel 2012 dopo la fine del regime di Saleh, sostenuto da Arabia Saudita, Egitto e Stati Uniti, e le forze dell'ex presidente Saleh alleate con i ribelli sciiti Houthi, sostenuti dall'Iran.

Sabato Saleh aveva offerto un accordo alla coalizione saudita in cambio dello stop dei raid aerei e della fine dell'embargo per gli aiuti umanitari. Gli Houthi avevano quindi accusato l'ex presidente di averli traditi e di aver organizzato un golpe interno all'alleanza.

Negli ultimi giorni nella capitale San'a, controllata dai ribelli, sono morte oltre 120 persone negli scontri scoppiati tra i due gruppi.





Questo è un articolo pubblicato il 04-12-2017 alle 16:08 sul giornale del 05 dicembre 2017 - 497 letture

In questo articolo si parla di cronaca, yemen, guerra civile, marco vitaloni, articolo, Ali Abdullah Saleh

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aPzH