Roma: muore dopo trapianto, aperto un fascicolo. Tra le ipotesi un errore medico

Medico, medicina, salute 27/09/2017 - È morto dopo un trapianto di cuore all'ospedale San Camillo di Roma. Aperta un'inchiesta: tra le ipotesi un errore dei medici.

Si ipotizza infatti che alla base della tragedia potrebbe esserci stato un errore: all'uomo, un 61enne cardiopatico potrebbe essere stato impiantato un cuore malato.

L'uomo è morto a 48 ore dall'operazione che avrebbe dovuto donargli una nuova vita. Aperto dalla Procura un fascicolo per omicidio colposo. A dover effettuare tutte le verifiche del caso l'ospedale in cui è avvenuto l'espianto, il San Raffaele di Milano.

I medici romani respingono però le accuse sostenendo che si trattasse di "organo perfetto" e  aggiungendo che le complicanze di un trapianto possono avvenire. Sulla questione si è espressa anche la ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, parlando di "fatto gravissimo".


di Sara Santini
redazione@viveremarche.it




Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2017 alle 18:36 sul giornale del 28 settembre 2017 - 597 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, medicina, salute, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aNqA