Torino: bimba di 2 mesi ricoverata per gravi lesioni, il padre ammette la propria colpa

Ingresso ospedale pronto soccorso 01/08/2017 - La Procura di Vercelli ha indagato il padre della bimba di due mesi ricoverata da pochi giorni all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino in gravi condizioni. L’uomo ha confessato di essere il responsabile delle ferite per cui la neonata, dopo il ricovero all’ospedale di Vercelli, è stata trasferita a Torino. È accusato di ingiuria e lesioni gravi. Le indagini sono state guidate dalla squadra mobile della Questura di Vercelli.

La bimba, era stata accompagnata dai genitori all’ospedale Sant’Andrea di Vercelli la sera del 21 giugno scorso perché riportava segni di malessere. Sottoposta ai vari accertamenti del caso, è stata trasferita a Torino la stessa notte, in seguito alla comparsa sul suo corpo di alcuni ematomi. Ricoverata in prognosi riservata in Rianimazione, con un trauma cranico e alcune costole rotte, le sue condizioni sono migliorate, quindi i sanitari ne hanno deciso il trasferimento, sempre in prognosi riservata, in terapia sub-intensiva.

Le indagini della Questura di Vercelli, sotto gli ordini del questore Rosanna Lavezzaro, sono partite con l'acquisizione delle informazioni medico-legali per poi proseguire con l’accertamento del difficile quadro familiare in cui la bimba era inserita.

La sera di lunedì 31 luglio la confessione dell'uomo, quando alla presenza del suo avvocato ha riconosciuto le sue responsabilità. L’uomo risulta indagato a piede libero.


da Nicolò Gioacchini
redazione@viveresenigallia.it




Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2017 alle 11:02 sul giornale del 02 agosto 2017 - 910 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, nicolò gioacchini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aLNK