Venezia: 16 arresti per corruzione, ci sono anche due ufficiali della Finanza

guardia di finanza 16/06/2017 - Ci sono anche due tenenti colonnello della Guardia di Finanza, tre dirigenti dell'Agenzia delle Entrate e un giudice tributario della Commissione regionale del Veneto tra le 16 persone arrestate per corruzione (14 in carcere e 2 ai domiciliari) dal nucleo di polizia tributaria delle Fiamme Gialle di Venezia.

Le indagini, coordinate dalla Procura di Venezia e nate da alcune intercettazioni telefoniche relative all'inchiesta sullo scandalo Mose, hanno riguardato presunti episodi di corruzione legati agli accertamenti fiscali. Somme di denaro, costosi regali e favori (assunzioni di parenti e amici) in cambio di ingenti sconti nelle sanzioni previste per evasioni fiscali.

Tra le persone arrestate ci sono i funzionari dell'Agenzia delle Entrate Elio Borrelli, Christian David e Massimo Esposito, il giudice tributario Cesare Rindone e i due ufficiali della Finanza Vincenzo Corrado e Massimo Nicchinello. Quest'ultimo è attualmente il comandante del Nucleo di polizia tributaria di Siracusa.

In manette sono finiti poi due commercialisti di Treviso e Chioggia, Tiziana Mesirca e Augusto Sartore, e gli imprenditori Paolo Maria Baggio, Aldo Bison, Fabio Bison, Giuseppe Milone, Pietro Schneider, Paolo Tagnin, Albino Zatachetto.





Questo è un articolo pubblicato il 16-06-2017 alle 18:06 sul giornale del 17 giugno 2017 - 1507 letture

In questo articolo si parla di cronaca, guardia di finanza, venezia, corruzione, evasione fiscale, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aKpF