Iraq: quasi 800 profughi intossicati da cibo aviarato

13/06/2017 - Quasi ottocento rifugiati ospitati in un campo profughi nei pressi di Mosul, in Iraq, sono rimasti intossicati dopo aver ingerito del cibo avariato.

Almeno una persona è deceduta. Duecento dei 752 profughi che hanno presentato i sintomi dell'intossicazione alimentare sono stati ricoverati in tre ospedali della zona. Le autorità irachene hanno aperto un'indagine per capire se si sia trattato di un incidente.

I rifugiati, tutte famiglie costrette a lasciare le loro case a Mosul a causa dei combattimenti tra l'esercito iracheno e lo Stato Islamico, hanno iniziato a star male lunedì sera, dopo aver consumato il tradizionale pasto serale che rompe il digiuno nei giorni di Ramadan. I pasti erano stati preparati in un ristorante di Erbil, nel Kurdistan iracheno, ed erano stati portati e distribuiti al campo da una ong del Qatar.

Il campo Hasansham U2, tra Mosul e Erbil, accoglie attualmente 6.200 persone, ed è uno dei 13 campi allestiti dall'agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr) nell'area attorno a Mosul.





Questo è un articolo pubblicato il 13-06-2017 alle 18:13 sul giornale del 14 giugno 2017 - 806 letture

In questo articolo si parla di cronaca, iraq, profughi, intossicazione alimentare, marco vitaloni, articolo, stato islamico, mosul

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aKjc