Londra: l'Isis ha rivendicato l'attentato di sabato

05/06/2017 - Lo Stato Islamico ha rivendicato tramite la sua agenzia di stampa Amaq l'attentato di Londra di sabato scorso, nel quale sono state uccise sette persone e altre 48 sono rimaste ferite, 18 delle quali sono in gravi condizioni.

La polizia ha identificato i tre terroristi che sono stati uccisi poco dopo l'attacco al London Bridge, e ha rivelato l'identità di due di loro. Si chiamano Khuram Butt, 27 anni, già noto alla polizia e all'intelligence, e Rachid Redouane, 30 anni, entrambi di Barking, quartiere a est di Londra. Tra domenica e lunedì mattina sono state eseguite diverse operazioni di polizia in vari quartieri della capitale britannica che hanno portato all'arresto di 12 persone sospettate di terrorismo.

Secondo i media inglesi uno dei terroristi era stato denunciato due anni fa da una donna italiana, quando si accorse che stava tentando di convertire e radicalizzare il figlio, ed era stato espulso dalla moschea del quartiere di Barking, dove viveva.

La prima ministra Theresa May ha detto che la campagna elettorale proseguirà e che le elezioni politiche previste per giovedì 8 giugno si terranno regolarmente.

Intanto è stata completata l'installazione di barriere per proteggere i pedoni lungo i marciapiedi di alcuni dei ponti più trafficati di Londra: Lambeth Bridge, Waterloo Bridge e Westminster Bridge, dove avvenne l'attacco del 22 marzo scorso.





Questo è un articolo pubblicato il 05-06-2017 alle 15:54 sul giornale del 06 giugno 2017 - 670 letture

In questo articolo si parla di cronaca, londra, regno unito, marco vitaloni, attentato terroristico, articolo, stato islamico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aJ4u