Migranti: altri naufragi al largo della Libia, 200 dispersi

08/05/2017 - Continuano gli sbarchi di migranti nel Mediterraneo centrale, e cresce anche il numero delle vittime: circa 200 persone sono morte in due naufragi avvenuti nel fine settimana al largo della Libia.

Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) almeno 113 persone risultano disperse in seguito al naufragio di un gommone avvenuto domenica a poche miglia dalla costa libica. A bordo del gommone si trovavano 120 persone: solo sette sono sopravvissute, tratte in salvo dalla guardia costiera libica.

Altre 80 vittime erano a bordo di un gommone che si è rovesciato nel Canale di Sicilia nella giornata di sabato. Lo hanno raccontato alla Procura di Ragusa i 40 sopravvissuti del naufragio, salvati da un mercantile danese e sbarcati domenica a Pozzallo.

Secondo l'OIM nei primi quattro mesi del 2017 sono morti nel Mediterraneo nel tentativo di arrivare in Europa più di mille migranti. Gli arrivi sono stati finora 44mila, in gran parte in Italia attraverso la rotta del Mediterraneo centrale. Nei porti italiani sono sbarcati da gennaio ad aprile 37mila persone, circa 10mila in più rispetto ai due anni precedenti: 28mila nel 2016, 26mila nel 2015.





Questo è un articolo pubblicato il 08-05-2017 alle 16:58 sul giornale del 09 maggio 2017 - 656 letture

In questo articolo si parla di cronaca, migranti, mediterraneo, libia, naufragio, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aI9A