Tamberi contro Schwarzer: "Vergogna d'Italia". Ed è polemica

Gianmarco Tamberi 30/04/2016 - L'Anconetano Tameberi si scaglia contro Schwarzer: "Vergogna d'Italia". Ed è polemica nello sport.

L'anconetano originario di Offagna Gianmarco Tamberi ed oro ai mondiali indoor nel salto in alto ha preso posizione contro l'altela altoatesino Alex Schwazer, già coinvolto per lo scandalo del doping. L'accusa è stata pubblicata su Facebook per manifestare lo sdegno dell'anconetano per la possibilità di ritrovarsi compagno di squadra a Rio 2016 del marciatore.

"Vergogna d'Italia, squalificatelo a vita, la nostra forza è essere puliti, noi non lo vogliamo in nazionale". Questa la frase spostata su Facebook. Parole dure. E le polemiche non si sono fatte attendere nel mondo sportivo.

Lo stesso Malagò presidente nazionale Del Coni ha commentato la vicenda ricordando che Schwarzer è stato riabilitato."Uno le regole le può trovare giuste o sbagliate, ma queste sono e a queste dobbiamo attenerci".





Questo è un articolo pubblicato il 30-04-2016 alle 10:41 sul giornale del 01 maggio 2016 - 3249 letture

In questo articolo si parla di sport, redazione, ancona, vivere ancona, gianmarco tamberi, laura rotoloni, vivereancona.it, redazione@vivereancona.it, articolo, Pechino 2015

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/awqp


Un atleta che ha sbagliato ed ha pagato, fatto questo che succede raramente in generale in italia, ha il diritto di riprendere la propria attività e di essere valutato per la sua nuova vita sportiva. Chi è TAMBERI per fare il censore?. O forse la paura dell'atleta marchigiano e di essere messo in ombra da possibili ottimi risultati del marciatore altotesino?. L'atletica leggera in italia è alla canna del gas e sono pochissimi i nomi di punta per le prossime olimpiadi. Il salatore TAMBERI è uno di questi ma, tenuto conto dei risultati passati, Schwarzer potrebbe riprendere la vita dell'alloro e quindi creare dei problemi di visibilità ad altri. L'atletica leggera, salvo che per le staffette, è fondamentalmente uno sport individuale e non di squadra.