Siria: bombardato ospedale di Medici Senza Frontiere, sette morti

Bomba a Damasco Siria Almeno sette persone sono morte nel bombardamento di un ospedale sostenuto da Medici Senza Frontiere nella provincia di Homs, in Siria.

Il bombardamento, secondo quanto riferito dalla stessa organizzazione, ha colpito nella giornata di sabato l'ospedale di Al Zafarana, città a nord di Homs. Oltre alle sette vittime, le esplosioni hanno ferito 47 persone, tra pazienti e personale medico. Medici Senza Frontiere ha detto che un primo barile bomba è stato sganciato su un'aerea popolosa della città, seguito dopo circa un'ora da altri due all'entrata dell'ospedale, in modo da colpire paramedici e soccorritori.

I barili bomba sono ordigni esplosivi improvvisati e inaccurati, lanciati manualmente da aerei ed elicotteri. Secondo Amnesty International, l'uso dei barili bomba da parte dell'esercito di Assad ha provocato ad Aleppo tra il gennaio 2014 e il marzo 2015 la morte di circa 3mila civili e 35 combattenti.

Il bombardamento di Homs è il terzo attacco contro strutture di Medici Senza Frontiere negli ultimi due mesi. Lo scorso 3 ottobre l'ospedale dell'organizzazione a Kunduz, in Afghanistan, era stato colpito e distrutto dai bombardamenti statunitensi, 30 le persone uccise. Sempre ad ottobre un altro ospedale di MSF era stato distrutto in Yemen, nella provincia di Saada, dagli attacchi aerei della coalizione guidata dall'Arabia Saudita che combatte contro i ribelli sciiti Houthi.





Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2015 alle 16:14 sul giornale del 02 dicembre 2015 - 2440 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di siria, Medici Senza Frontiere, damasco, marco vitaloni, bombardamenti

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/aq9s

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW