Corruzione nella Fifa: sette dirigenti arrestati in Svizzera

Joseph Blatter Sette dirigenti della Fifa, l'organo di governo del calcio mondiale, sono stati arrestati a Zurigo, in Svizzera.

Le persone arrestate dovrebbero venire estradate negli Stati Uniti, dove è partita l'indagine. Secondo l'Fbi e il fisco americano, i vertici della Fifa avrebbero partecipato ad un'associazione a delinquere volta ad arricchirsi attraverso la corruzione e il riciclaggio di denaro. Le accuse di corruzione, riciclaggio e frode all'interno della Fifa riguardano gli ultimi 24 anni, in particolare la gestione dei diritti televisivi e gli accordi per il marketing.

Gli arrestati sono i vicepresidenti Fifa Jeffrey Webb (Isole Cayman) ed Eugenio Figueredo (Uruguay); e i dirigenti Eduardo Li (Costa Rica), Julio Rocha (Nicaragua), Costas Takkas (Gb), Rafael Esquivel (Venezuela) e José Maria Marin (Brasile). Gli indagati in tutto sono 14, compreso l'ex vicepresidente Jack Warner. Non sarebbe invece indagato il numero uno Sepp Blatter.

I dirigenti sono stati arrestati nell’albergo Baur au Lac di Zurigo, dove è in programma per il 29 maggio le elezioni per il nuovo presidente Fifa. Elezioni che sembra non verranno rimandate, nonostante gli arresti, e che vedono in corsa solo due candidati: il presidente uscente Blatter, in carica dal lontano 1998, e il principe giordano Ali bin Al-Hussein.

La Fifa inoltre è al centro di una seconda inchiesta per corruzione, condotta dalle autorità della Svizzera, riguardante la contestata assegnazione dei Mondiali alla Russia nel 2018 e al Qatar nel 2022.





Questo è un articolo pubblicato il 27-05-2015 alle 16:09 sul giornale del 28 maggio 2015 - 2078 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di Fifa, Stati Uniti, svizzera, corruzione, marco vitaloni, Joseph Blatter

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/aj2y

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW