Agrigento: 30enne uccide la fidanzata e la madre di lei e si toglie la vita

carabinieri 08/10/2014 - Si è ucciso, impiccandosi, dopo aver assassinato a coltellate la ragazza e la madre di lei.

E' successo a San Giovanni Gemini, nell'Agrigentino. I corpi senza vita delle due donne, Concetta Traina, 27 anni, e sua madre Angelina, 62, sono stati ritrovati nelle loro camere da letto, nell'abitazione di via Leopardi. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, Mirko Lena, 30 anni, avrebbe accoltellato nel sonno la fidanzata e la madre di lei, dopo essersi introdotto nella notte, forzando una porta-finestra, nella casa delle donne. Il corpo del giovane è stato ritrovato impiccato all'ultimo piano dell'abitazione, in soffitta. Accanto una scritta sul muro, "è finito il buio", e una copia della Divina commedia aperta su una pagina dell’Inferno.

A lanciare l'allarme è stato l'uomo presso cui la ragazza lavorava come babysitter, preoccupato perchè Concetta non si era presentata, puntuale come sempre, al lavoro e non rispondeva al telefono. E' quindi andato a casa della ragazza, e non ricevendo risposta, ha chiamato il 112. I militari giunti sul posto hanno fatto la tragica scoperta. Sulla dinamica del fatto gli inquirenti sembrano non avere dubbi: duplice omicidio e suicidio. Ignoti invece i motivi, gelosia forse, che hanno spinto Mirko Lena a commettere la strage.





Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2014 alle 20:11 sul giornale del 09 ottobre 2014 - 2004 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, agrigento, marco vitaloni, omicidio-suicidio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/0Nk