Ebola: primo caso negli Stati Uniti

Ebola E' stato confermato a Dallas, in Texas, il primo caso diagnosticato negli Stati Uniti di infezione da virus Ebola.

Lo ha annunciato il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc), la massima autorità sanitaria negli Usa. Il paziente, sulla cui identità non sono state rilasciate indicazioni, è ricoverato presso il Texas Health Presbyterian Hospital di Dallas ed è tenuto in isolamento. Il paziente non sarebbe però un cittadino americano: "E' venuto negli Stati Uniti per visitare alcuni familiari che vivono in questo Paese", ha spiegato il direttore del Cdc, Thomas Frieden.

L'uomo era arrivato negli Stati Uniti il 20 settembre, proveniente dalla Liberia, uno dei paesi dell'Africa Occidentale dove si trovano i focolai del virus. Ha iniziato a manifestare i primi sintomi della febbre emorragica solo diversi giorni dopo, ed è stato riceverato in ospedale il 27 settembre. Le autorità sanitarie hanno tranquillizzato l'opinione pubblica, spiegando che la situazione è sotto controllo e che la malattia non si diffonderà negli Usa". Ora le priorità, ha spiegato Frieden, sono curare il paziente e individuare tutte le persone che sono state in contatto con lui da quando è arrivato negli Stati Uniti.





Questo è un articolo pubblicato il 01-10-2014 alle 18:37 sul giornale del 02 ottobre 2014 - 2300 letture - 0 commenti

In questo articolo si parla di Stati Uniti, marco vitaloni, virus Ebola

L'indirizzo breve di questo articolo è http://vivere.biz/0so

Suggerisci un altro argomento per questo articolo:

Licenza Creative Commons
Rilasciato con licenza
Creative Commons.
Maggiori info:
vivere.biz/gkW