Ucraina, l'accusa di Human Rights Watch: razzi non guidati contro i civili

lanciarazzi 1' di lettura 25/07/2014 - L'esercito ucraino, impegnato nell'offensiva contro i separatisti filo-russi, avrebbe lanciato razzi contro i civili in alcune città dell'est del Paese.

L'accusa arriva da Human Rights Watch, secondo cui sarebbero 16 i civili rimasti uccisi tra il 12 e il 21 luglio nell'area urbana di Donetsk, colpita da salve di lanciarazzi Grad. L'uso di razzi non guidati in aree popolate viola il diritto internazionale e potrebbe essere considerato un crimine di guerra, denuncia l'organizzazione. “I razzi Grad sono armi imprecise e a lunga gittata e non andrebbero usati nei centri abitati. Se i ribelli filorussi e il governo ucraino vogliono evitare di colpire i civili, dovrebbero entrambi smettere di lanciarli in queste zone", ha detto Ole Solvang, ricercatore senior di Human Rights Watch.






Questo è un articolo pubblicato il 25-07-2014 alle 18:54 sul giornale del 26 luglio 2014 - 1805 letture

In questo articolo si parla di attualità, ucraina, crimini di guerra, marco vitaloni, human rights watch, articolo, lanciarazzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7Lj