Giornata del migrante e del rifugiato, Benedetto XVI: 'Non sono numeri ma persone'

immigrati 15/01/2012 -

In occasione della Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, Benedetto XVI ha sottolineato che "gli immigrati non sono numeri ma uomini e donne, bambini, giovani e anziani, che cercano un luogo dove vivere in pace".



Il Pontefice ha poi richiamato l'attenzione sul tema delle migrazioni e della nuova evangelizzazione: "Milioni di persone sono coinvolte nel fenomeno delle migrazioni"- ha detto rivolgendo un cordiale saluto ai rappresentanti delle comunità di stranieri che erano presenti in piazza San Pietro. "I migranti sono non soltanto destinatari, ma anche protagonisti dell'annuncio del Vangelo nel mondo contemporaneo".

Un ringraziamento inoltre è stato rivolto dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano alla Chiesa e le sue organizzazioni per quanto hanno sempre fatto e stanno facendo per i migranti: "Desidero ricordare quanto la Chiesa e le sue organizzazioni hanno da sempre fatto e stanno tuttora facendo per i migranti- dichiara Napolitano- accompagnandoli in un'esperienza mai facile, talvolta drammatica, assicurando loro quel supporto materiale e sostegno spirituale che nel passato molti italiani emigrati poterono ricevere all'estero dalle comunità religiose impegnate ad accoglierli nei Paesi di destinazione. L'attenzione e il sostegno che a quanti oggi emigrano nel nostro paese vengono offerti a prescindere dalle appartenenze religiose- conclude- non implicano alcuna rinuncia ai valori propri del cristianesimo, ma piuttosto una forte riaffermazione di quei valori universali di solidarietà umana che sono alla base di tutte le grandi religioni e non possono conoscere frontiere nè geografiche nè etniche".





Questo è un articolo pubblicato il 15-01-2012 alle 16:11 sul giornale del 16 gennaio 2012 - 1710 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/tW8