Peru: Humala vince le elezioni e svolta a sinistra

06/06/2011 -

L’ondata a sinistra latinoamericana arresta definitivamente il riflusso a destra che sembrava essersi delineato a partire dal 2009, e sbarca in Perù. Ollanta Moisés Humala Tasso è riuscito ad aggiudicarsi il secondo turno delle presidenziali peruviane, contro Keiko Sofía Fujimori Higuchi, figlia dell’ex-presidente ora in carcere con una condanna a 25 anni.



Di fronte a oltre 10 mila sostenitori che si sono radunati nel centro di Lima per festeggiare la sua vittoria, Humala ha dichiarato che creerà nuovi posti di lavoro e case e fornirà più servizi di base, dall'acqua corrente all'elettricità.

Il Perù, una delle economie a più rapida crescita del mondo nell'ultimo decennio, è un importante esportatore di metalli ma un terzo della sua popolazione vive in povertà e Humala ha incentrato la sua campagna elettorale sulla promessa di migliori condizioni di vita.

«Sono molto contento, c'e stata una sconfitta del fascismo, in Perù la democrazia è salva»: è il primo commento del Nobel della letteratura Mario Vargas Llosa, sul ballottaggio presidenziale in Perù.





Questo è un articolo pubblicato il 06-06-2011 alle 15:08 sul giornale del 07 giugno 2011 - 3072 letture

In questo articolo si parla di attualità, elezioni, giulia angeletti, Sinistra, perù, latinoamerica e piace a michele

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/lGH