Austria: torna alla ribalta l\'estrema destra

30/09/2008 -

I partiti tradizionali che hanno governato l\'Austria negli ultimi 60 anni, i CristianoPopolari e i Socialdemocratici, hanno vinto le elezioni con il 60% dei voti, ma sono entrambi ai minimi storici.
Cresce invece l\'estrema destra che sale oltre il 30%. Possibile un ingresso nel prossimo governo.



L’FpO, ex partito di Jorg Haider ed ora guidato da Heinz Christian Strache è la terza forza politica del paese. Haider, uscito dal partito nel 2005 ha creato la Lega per il futuro dell’Austria a ottenuto più del 10%.

L’incarico verrà affidato al leader socialdemocratico Werner Fayman che nelle dichiarazioni a caldo ha promesso un governo stabile, in grado di rispondere alle richieste dell’elettorato e alle sue preoccupazioni. Fayman potrebbe guidare un governo di minoranza chiedendo l’appoggio esterno dell’estrema destra dell’Fpo oppure ridare vita alla coabitazione con i conservatori magari privati del loro leader Wilhelm Morterer che dopo la sconfitta di ieri potrebbe dimettersi.

Socialdemocratici e Cristianopopolari , al governo insieme negli ultimi due anni hanno pagato la loro difficoltà a governare una fase così delicata della storia di questo paese, con la crisi economica incombente e le mille paure, dalla mancanza di sicurezza al timore nei confronti delle ondate migratorie, emerse nella società austriaca.

I due partiti di estrema hanno incentrato la loro la campagna elettorale su temi antieuropeisti e sulla paura dello straniero.




Questo è un articolo pubblicato il 30-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 settembre 2008 - 2546 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, austria, ustria